Il professionista del terzo millennio è già digitale?